Il presente regolamento (il “Regolamento”) disciplina i titoli di debito (le “Obbligazioni” e ciascuna una “Obbligazione”) che Pavan Heritage Holding BV (l’“Emittente”) potrà, di volta in volta, offrire al pubblico nell’ambito del programma di emissioni obbligazionarie denominato “Obbligazioni Fondo Italia e strutturate” (il “Programma”).

Salvo quanto previsto dal presente Regolamento, le caratteristiche delle singole emissioni (ciascuna un “Prestito Obbligazionario” o un “Prestito”) saranno indicate nelle Condizioni Definitive del Prestito.

Articolo 1 – Importo e taglio delle Obbligazioni

In occasione di ciascun Prestito, l’Emittente indicherà nelle Condizioni Definitive l’ammontare totale massimo del Prestito (l’“Ammontare Totale”), espresso in Euro, il numero totale di Obbligazioni emesse a fronte di tale Prestito e il valore nominale di ciascuna Obbligazione (il “Valore Nominale”).

L’Emittente potrà, durante il Periodo di Offerta, aumentare l’ammontare totale del singolo Prestito Obbligazionario.

Articolo 2 – Tipologie di Obbligazioni

Nell’ambito del Programma, l’Emittente potrà procedere ad emettere Obbligazioni appartenenti alle seguenti tipologie: (a) Obbligazioni a Tasso Fisso; (b) Obbligazioni a Tasso Fisso Multicallable; (c) Obbligazioni a Tasso Fisso con Ammortamento Periodico; (d) Obbligazioni Step-Up; (e) Obbligazioni Step-Up Multicallable;

(f) Obbligazioni a Tasso Variabile; (g) Obbligazioni a Tasso Variabile con Cap e/o Floor (h) Obbligazioni a Tasso Misto; (i) Obbligazioni a Tasso Misto con Cap e/o Floor; (j) Obbligazioni Zero Coupon.

Con riferimento al rimborso delle Obbligazioni ed al calcolo e pagamento degli interessi, il presente Regolamento riporta disposizioni specifiche applicabili a ciascuna tipologia di Obbligazioni.

Articolo 3 – Prezzo di emissione

Con riferimento a tutte le Obbligazioni oggetto del Programma, fatta eccezione per le Obbligazioni Zero Coupon, il prezzo a cui verranno emesse le Obbligazioni (il “Prezzo di Emissione”) potrà essere pari, inferiore o – solo nei casi di Offerta Successiva ai sensi dell’art. 7, comma 4 del Regolamento – superiore al Valore Nominale e sarà indicato nelle Condizioni Definitive del singolo Prestito (1).

Resta fermo che nell’ipotesi in cui la sottoscrizione delle Obbligazioni da parte degli investitori avvenisse ad una data successiva alla Data di Godimento (anche in conseguenza di una Offerta Successiva), il Prezzo di Emissione dovrà essere maggiorato del rateo interessi e potrà essere superiore al 100% del Valore Nominale.

In particolare il Prezzo di Emissione potrà essere superiore al 100% solo a condizione che l’Offerta Successiva sia aperta entro dodici mesi dalla data di emissione del prestito, e che la differenza fra Prezzo di Emissione delle tranche successive e quello della prima tranche sia in valore assoluto non superiore all’1% del Valore Nominale rapportato a ciascun anno di durata del prestito. 

Articolo 4 – Godimento e Durata

Le Obbligazioni saranno emesse con termini di durata che potranno variare, di volta in volta, in relazione al singolo Prestito. Nelle Condizioni Definitive sarà indicata la data a far corso dalla quale le Obbligazioni incominciano a produrre interessi (la “Data di Godimento”) e la data in cui le Obbligazioni cessano di essere fruttifere (la “Data di Scadenza”).

In relazione alle Obbligazioni a Tasso Fisso Multicallable ed alle Obbligazioni Step-Up Multicallable, nel caso in cui l’Emittente eserciti la facoltà di rimborso anticipato prevista al successivo articolo 5-bis, la Data di Scadenza delle Obbligazioni coinciderà con la Data di Rimborso Anticipato (come di seguito definita).

Articolo 5- Rimborso delle Obbligazioni

Salvo quanto di seguito stabilito agli articoli 5-bis (Rimborso delle Obbligazioni a Tasso Fisso Callable e  delle Obbligazioni Step-Up Callable) e 5-ter (Rimborso delle Obbligazioni a Tasso Fisso con Ammortamento Periodico), alla Data di Scadenza, i portatori delle Obbligazioni (i “Portatori”) riceveranno, a titolo di rimborso del Prestito Obbligazionario, un valore (il “Prezzo di Rimborso” o l’ “Importo di Rimborso”) indicato nelle Condizioni Definitive del Singolo prestito, (i) sempre pari al Valore Nominale per le Obbligazioni Zero Coupon e (ii) almeno pari al Valore Nominale per tutte le altre tipologie di Obbligazioni oggetto del Programma.

Articolo 5-bis – Rimborso delle Obbligazioni a Tasso Fisso Multicallable e delle Obbligazioni Step-Up Multicallable

In deroga a quanto stabilito dall’articolo 5 precedente, con riferimento alle Obbligazioni a Tasso Fisso Callable e alle Obbligazioni Step-Up Callable, è prevista la possibilità per l’Emittente di procedere al rimborso anticipato delle Obbligazioni non prima che siano trascorsi 6 mesi dalla Data di Emissione del Prestito a partire dalla data indicata nelle Condizioni Definitive (ciascuna, una “Data di Rimborso Anticipato”). In tal caso, le Condizioni Definitive indicheranno le date a cui l’Emittente potrà procedere al rimborso anticipato, nonché i relativi importi di rimborso, mai inferiori al 100% del Valore Nominale.

Nell’ipotesi in cui l’Emittente si avvalga della facoltà di rimborso anticipato, ne darà notizia ai portatori mediante comunicazione scritta, con il preavviso minimo stabilito nelle medesime Condizioni Definitive. Nell’ipotesi in cui le Obbligazioni, nei confronti delle quali l’Emittente eserciti la facoltà di rimborso anticipato, siano titoli ammessi alla negoziazione presso un mercato regolamentato organizzato e gestito Pavan Heritage Holding BV, tale preavviso minimo non potrà comunque essere inferiore a cinque giorni lavorativi.

Articolo 5-ter – Rimborso delle Obbligazioni a Tasso Fisso con Ammortamento Periodico

Il rimborso delle Obbligazioni a Tasso Fisso con Ammortamento Periodico avverrà mediante la corresponsione di rate periodiche (le “Rate di Ammortamento”) il cui importo sarà indicato nelle Condizioni Definitive. Le Rate di Ammortamento saranno corrisposte alle date indicate nelle Condizioni Definitive (le “Date di Ammortamento”). L’ultima Data di Ammortamento corrisponderà con la Data di Scadenza.

Articolo 6 – Cedole

E’ riportata, di seguito, una descrizione (i) delle modalità di corresponsione delle cedole, rappresentando in formula, per le obbligazioni che prevedano la corresponsione di cedole variabili, la relazione tra il Valore Nominale dell’Obbligazione ed il Parametro di Indicizzazione di volta in volta applicato, nonché (ii) dei tassi di interesse di mercato a cui le cedole variabili da corrispondersi possono essere indicizzate (i “Parametri di Indicizzazione”).

(i)     Metodo di calcolo delle cedole

Si segnala, in primo luogo, che le Obbligazioni Zero Coupon non prevedono il pagamento di Cedole di interessi e, pertanto, il rendimento associato a tali Obbligazioni deriva dalla differenza tra l’Importo di Rimborso (sempre pari al Valore Nominale) ed il Prezzo di Emissione (sempre inferiore al Valore Nominale).

 Calcolo delle cedole a tasso fisso

La Cedole saranno pagate, in via posticipata, con frequenza trimestrale, semestrale o annuale, secondo quanto indicato nelle Condizioni Definitive.

La base di calcolo delle Cedole è ACT/ACT (ossia sulla base della convenzione giorni  effettivi/giorni effettivi).

OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO, OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO MULTICALLABLE ED OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO

Durante la vita del Prestito gli obbligazionisti riceveranno il pagamento di Cedole, calcolate applicando al Valore Nominale un tasso di interesse fisso (il “Tasso di Interesse”), costante durante la vita del Prestito, la cui entità è indicata su base nominale annua lorda nelle Condizioni Definitive del Prestito.

Nel caso di Obbligazioni a Tasso Fisso Multicallable, qualora l’Emittente eserciti la facoltà di rimborso anticipato prevista al paragrafo 5-bis che precede, le Cedole pagabili a Date di Pagamento successive alla Data di Rimborso Anticipato non saranno corrisposte, ed il Portatore non potrà vantare alcun diritto in relazione ad esse.

OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CON AMMORTAMENTO PERIODICO

Durante la vita del Prestito gli obbligazionisti riceveranno il pagamento di Cedole, calcolate applicando al Valore Nominale Residuo il tasso di interesse fisso (il “Tasso di Interesse”), costante durante la vita del Prestito, la cui entità è indicata su base nominale annua lorda nelle Condizioni Definitive del Prestito.

Per “Valore Nominale Residuo” si intende la differenza tra il Valore Nominale e la somma degli importi delle Rate di Ammortamento già corrisposte.

OBBLIGAZIONI STEP UP ED OBBLIGAZIONI STEP UP MULTICALLABLE

Durante la vita del Prestito gli obbligazionisti riceveranno, a titolo di interesse, il pagamento di Cedole, calcolate applicando al Valore Nominale un tasso di interesse prefissato (il “Tasso di Interesse”), la cui entità è indicata su base nominale annua lorda nelle Condizioni Definitive del Prestito. Il tasso di interesse, come verrà indicato nelle Condizioni Definitive, sarà di ammontare crescente durante la vita del Prestito.

Nel caso di Obbligazioni Step Up Multicallable, qualora l’Emittente eserciti la facoltà di rimborso anticipato prevista al paragrafo 5-bis che precede, le Cedole pagabili a Date di Pagamento successive alla Data di Rimborso Anticipato non saranno corrisposte, ed il Portatore non potrà vantare alcun diritto in relazione ad esse.

 Calcolo delle cedole a tasso variabile

Si precisa, innanzitutto, che le Cedole maturano giorno per giorno secondo il regime dell’interesse semplice e proporzionalmente al tempo trascorso, assumendo come base per il calcolo il rapporto ACT/ACT (giorni effettivi/giorni effettivi), escludendo il primo giorno di maturazione della Cedola (rateo zero) ed includendo il giorno di calcolo del rateo o di pagamento degli interessi.

OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE ED OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO

Durante la vita del Prestito gli obbligazionisti riceveranno, su base periodica, il pagamento di Cedole, calcolate applicando al Valore Nominale uno dei Parametri di Indicizzazione, eventualmente maggiorato o diminuito di uno Spread indicato in punti percentuali ed arrotondato allo 0,01% più vicino. Il Parametro di Indicizzazione e l’eventuale Spread saranno indicati nelle Condizioni Definitive del Prestito.

L’Emittente potrà prefissare il valore della prima Cedola in misura indipendente dal Parametro di Indicizzazione. In tal caso, il tasso di interesse da applicare alla prima Cedola sarà indicato su base lorda annuale nelle Condizioni Definitive del Prestito.

Le Condizioni Definitive del singolo prestito potranno prevedere che la Cedola Variabile non possa essere superiore ad un determinato ammontare (il “Cap”) e/o inferiore ad un tasso minimo garantito (il “Floor”).

Si riporta di seguito una rappresentazione in formula delle modalità di calcolo delle Cedole:

  1. Nel caso in cui sia previsto uno Spread:

VN * Max [0%; (PI ± S)]

  1. Nel caso in cui non sia previsto uno Spread:

VN *Max (0%; PI)

dove:

VN =    Valore Nominale

S  =     Spread

PI =     Parametro di Indicizzazione

OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE ED OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO CON CAP E/O FLOOR

Durante la vita del Prestito gli obbligazionisti riceveranno, su base periodica, il pagamento di Cedole, calcolate applicando al Valore Nominale uno dei Parametri di Indicizzazione, eventualmente maggiorato o diminuito di uno Spread indicato in punti percentuali ed arrotondato allo 0,01% più vicino. Il Parametro di Indicizzazione e l’eventuale Spread saranno indicati nelle Condizioni Definitive del Prestito.

L’Emittente potrà prefissare il valore della prima Cedola in misura indipendente dal Parametro di Indicizzazione. In tal caso, il tasso di interesse da applicare alla prima Cedola sarà indicato su base lorda annuale nelle Condizioni Definitive del Prestito.

Le Cedole saranno pagate, in via posticipata, con frequenza trimestrale, semestrale o annuale, secondo quanto indicato nelle Condizioni Definitive.

Si riporta di seguito una rappresentazione in formula delle modalità di calcolo delle Cedole:

  1. Nel caso in cui non siano previsti né un Cap né un Floor e sia previsto uno Spread:

VN * Max [0%; (PI ± S)]

  1. Nel caso in cui siano previsti un Cap e uno Spread e non sia previsto un Floor:

VN *Max {0%; Min [C, (PI± S)]}

  1. Nel caso in cui non siano previsti né Cap né Floor né Spread:

VN *Max (0%; PI)

  1. Nel caso in cui sia previsto un Cap e non siano previsti né Floor né Spread:

VN * {Max [0%; Min (C; PI)]}

  1. Nel caso in cui siano previsti un Cap ed un Floor e non sia previsto uno Spread:

VN *{Max[F; Min (C; PI)]}

  1. Nel caso in cui siano previsti un Cap, un Floor ed uno Spread:

VN *{Max [F; Min (C; PI±S)]}

  1. Nel caso in cui sia previsto un Floor ma non siano previsti né un Cap né uno Spread:

VN * {Max [F; PI)]}

  1. Nel caso in cui siano previsti un Floor ed uno Spread ma non sia previsto un Cap:

VN *{Max [F, (PI±S)]}

dove:

VN =    Valore Nominale

F    =    Floor

C  =    Cap

S  =     Spread

PI =     Parametro di Indicizzazione

(ii)                       Parametro di Indicizzazione

  • Descrizione dei Parametri di Indicizzazione

Le Cedole da corrispondersi in caso di emissione di Obbligazioni a Tasso Variabile ed Obbligazioni a Tasso Misto potranno essere parametrate ad uno dei seguenti Parametri di Indicizzazione:

RENDIMENTO DASTA DEL BOT

Per “Rendimento d’asta del BOT” si intende il rendimento semplice lordo del BOT relativo all’asta BOT effettuata il mese solare antecedente (il “Mese di Riferimento”) l’inizio del periodo di godimento di ciascuna Cedola. Qualora tale valore non fosse disponibile si farà riferimento alla prima asta BOT valida antecedente all’asta del Mese di Riferimento.

Il “Rendimento d’asta del BOT” scelto come Parametro di Indicizzazione potrà essere il rendimento d’asta del BOT a tre mesi, oppure il rendimento d’asta del BOT a sei mesi, oppure il rendimento d’asta del BOT annuale, così come indicato nelle Condizioni Definitive.

TASSO EURIBOR

Sarà preso come Parametro di Indicizzazione il Tasso Euribor di Riferimento (come di seguito definito) rilevato alle date indicate nelle Condizioni Definitive (le “Date di Rilevazione”). Le rilevazioni saranno effettuate secondo il calendario “Target”. Il calendario operativo “Target” prevede, sino a revoca, che il mercato operi tutti i giorni dell’anno con esclusione delle giornate di sabato, della domenica nonché il primo giorno dell’anno, il venerdì santo, il lunedì di Pasqua, il primo maggio, il 25 ed il 26 dicembre.

L’acronimo EURIBOR indica “Euro Inter Bank Offered Rate”, ossia un tasso calcolato in corrispondenza di ogni giorno lavorativo TARGET alle ore 11.00 (ora di Bruxelles), che rappresenta il tasso di riferimento al quale le principali banche europee si scambiano depositi su scadenze comprese tra una settimana e dodici mesi. All’interno della categoria “EURIBOR” è possibile distinguere più tassi, a seconda della durata dei depositi interbancari presi a riferimento.

Il tasso Euribor scelto come Parametro di Indicizzazione (il “Tasso Euribor di Riferimento”) potrà essere il tasso Euribor trimestrale, il tasso Euribor semestrale, oppure il tasso Euribor annuale, così come indicato nelle Condizioni Definitive.

•     Eventi di turbativa di mercato ed eventi straordinari relativi al Parametro di Indicizzazione

Le Condizioni Definitive conterranno l’indicazione dei criteri di determinazione del valore del Parametro di Indicizzazione nell’ipotesi di eventi di turbativa di mercato ad una Data di Valutazione, nonché di eventi straordinari che riguardano tale Parametro di Indicizzazione.

Tali criteri di determinazione sono improntati alla buona fede ed alla prassi di mercato e sono volti a neutralizzare il più possibile gli effetti distortivi di tali eventi.

In particolare, salvo ove diversamente previsto nelle Condizioni Definitive di ciascun Prestito, qualora alla Data di Rilevazione non fosse possibile, per qualsiasi motivo, determinare il Parametro di Indicizzazione, si applica, in luogo di tale Parametro di Indicizzazione (l’EURIBOR) la media aritmetica delle quotazioni lettera dei tassi per i depositi in Euro (con durata mensile determinata nelle Condizioni Detentive) fornite da 5 banche di primaria importanza entro le ore 12 a.m. ora di Bruxelles della Data di Rilevazione, scartate la quotazione più alta e quella più bassa. Nel caso in cui tale alternativa non sia possibile, il tasso della Cedola Variabile per il periodo in oggetto sarà identico a quello dell’ultima Cedola Variabile pagata. Se tale evento si verifica anche per la determinazione della Cedola Variabile successiva, per tale Cedola Variabile il tasso è determinato in buona fede dall’Agente di Calcolo e secondo la prassi di mercato.

Qualora nel corso della vita dell’Obbligazione si verifichino, relativamente al Parametro di Indicizzazione, eventi di natura straordinaria che ne modifichino la struttura o ne compromettano l’esistenza, l’Agente per il Calcolo effettuerà, ove necessario, gli opportuni correttivi.

Articolo 6-bis – Periodo di Calcolo delle Cedole

Il periodo di calcolo di ciascuna Cedola – la cui periodicità sarà indicata nelle Condizioni Definitive – (il “Periodo di Calcolo”) – rispetto a cui sarà parametrato il valore della Cedola stessa, è determinato in base ad una delle seguenti modalità, secondo quanto di volta in volta indicato.

Modalità “unadjusted Il Periodo di Calcolo è compreso tra la Data di Pagamento Originaria

 

(inclusa) e quella immediatamente successiva (esclusa). Per “Data di Pagamento Originaria” si intende la Data di Pagamento della Cedola indicata nelle Condizioni Definitive, senza tener conto dell’adeguamento di tale data derivante dall’applicazione della pertinente “Business Day Convention”.

Per quanto riguarda la prima Cedola, il Periodo di Calcolo è invece compreso tra la Data di Godimento e la prima Data di Pagamento Originaria.

Modalità “adjusted Il Periodo di Calcolo è compreso tra la Data di Pagamento Effettiva (inclusa) e quella immediatamente successiva (esclusa). Per “Data di Pagamento Effettiva” si intende la Data di Pagamento della Cedola, soggetta ad adeguamento in conformità alla pertinente “Business Day Convention”, indicata nelle Condizioni Definitive.

Per quanto riguarda la prima Cedola, il Periodo di Calcolo è invece compreso tra la Data di Godimento e la prima Data di Pagamento Effettiva.

 

Articolo 6-ter – Date di Pagamento delle Cedole (“Business Day Convention”)

Qualora una Data di Pagamento delle Cedole cada in un giorno non lavorativo, la Data di Pagamento si intende spostata secondo la “Business Day Convention” indicata nelle Condizioni Definitive secondo le modalità descritte nella tabella che segue.

Following     Business     Day Convention Nel caso in cui le Condizioni Definitive indichino come “Business Day Convention” applicabile la convenzione “Following Business Day Convention”, allora la Data di Pagamento delle Cedole si intende spostata al primo giorno lavorativo successivo.
Modified Following Business Day Convention Nel caso in cui le Condizioni Definitive indichino come “Business Day Convention” applicabile la convenzione “Modified Following Business Day Convention”, allora la Data di Pagamento delle Cedole si intende spostata al primo giorno lavorativo successivo, salvo il caso in cui tale giorno lavorativo cada nel mese solare successivo; in tal caso la Data di Pagamento delle Cedole è spostata al giorno lavorativo immediatamente precedente.

Articolo 7 – Collocamento 

La durata del Periodo di Offerta sarà indicata nelle Condizioni Definitive e potrà essere fissata dall’Emittente in modo tale che tale periodo abbia termine ad una data successiva a quella a partire dalla quale le Obbligazioni incominciano a produrre interessi (la “Data di Godimento”). È fatta salva la facoltà dell’Emittente (ovvero il Responsabile del Collocamento, se così indicato nelle Condizioni Definitive) di estendere tale periodo di validità, dandone comunicazione mediante apposito avviso da pubblicarsi sul sito internet dell’Emittente.

L’Emittente (ovvero il Responsabile del Collocamento, se così indicato nelle Condizioni Definitive) potrà procedere, in un qualsiasi momento durante il Periodo di Offerta ed indipendentemente dal raggiungimento dell’ammontare totale dell’emissione alla chiusura anticipata dell’Offerta, sospendendo immediatamente l’accettazione di ulteriori richieste. Come anticipato al paragrafo “Fattori di Rischio”, tale circostanza potrebbe determinare una riduzione dell’ammontare di titoli in circolazione rispetto all’ammontare originariamente previsto ed incidere sulla liquidità delle Obbligazioni. L’eventuale chiusura anticipata sarà comunicata al pubblico con apposito avviso da pubblicarsi sul sito internet dell’Emittente.

Successivamente alla chiusura del Periodo di Offerta, l’Emittente (ovvero il Responsabile del Collocamento, se così indicato nelle Condizioni Definitive) potrà procedere all’apertura di un’offerta successiva delle Obbligazioni (un’“Offerta Successiva”). Nel caso in cui tale Offerta Successiva sia aperta successivamente rispetto alla Data di Godimento, il Prezzo di Emissione sarà maggiorato del rateo interessi e potrà essere superiore al 100% del Valore Nominale (2).

Nel corso del Periodo di Offerta, gli investitori potranno pertanto sottoscrivere un numero di Obbligazioni non inferiore ad una o al maggior numero indicato nelle Condizioni Definitive (il “Lotto Minimo”). I Soggetti Collocatori provvederanno a soddisfare le richieste di sottoscrizione così pervenute, secondo l’ordine cronologico di prenotazione ed entro i limiti dell’importo massimo disponibile che l’Emittente assegnerà a ciascuno di essi.

Le Obbligazioni verranno offerte in sottoscrizione dai soggetti incaricati del collocamento (i “Soggetti Collocatori”) presso le proprie sedi e dipendenze. Le domande di adesione all’offerta dovranno essere presentate mediante la consegna dell’apposita scheda, disponibile presso i soggetti collocatori, la cui identità sarà indicata nelle Condizioni Definitive del singolo Prestito Obbligazionario.

Il/i Soggetto/i Collocatore/i, ove previsto nelle Condizioni Definitive relative a ciascuna emissione, può/possono, rispettivamente, effettuare il collocamento fuori sede (collocamento fuori sede) ovvero avvalersi di tecniche di comunicazione a distanza con raccolta dei Moduli di Adesione tramite Internet (collocamento on-line). L’eventuale utilizzo della modalità di collocamento fuori sede ovvero on-line, viene comunicata e descritta nelle Condizioni Definitive di volta in volta rilevanti.

L’efficacia dei contratti conclusi fuori sede è sospesa per la durata di 7 (sette) giorni di calendario decorrenti dalla data di sottoscrizione degli stessi da parte dell’investitore. Conseguentemente, l’eventuale data ultima in cui sarà possibile aderire all’Offerta mediante contratti conclusi fuori sede ove ai sensi della normativa applicabile sia previsto il diritto di recesso a favore dell’investitore sarà indicata nelle relative Condizioni Definitive.

L’efficacia dei contratti conclusi mediante tecniche di comunicazione a distanza tra un professionista ed un consumatore è sospesa per la durata di 14 (quattordici) giorni di calendario decorrenti dalla data di sottoscrizione degli stessi da parte del consumatore. Conseguentemente, l’eventuale data ultima in cui sarà possibile aderire all’Offerta mediante contratti conclusi mediante tecniche di comunicazione a distanza, ove ai sensi della normativa applicabile sia previsto il diritto di recesso a favore dell’investitore sarà indicata nelle relative Condizioni Definitive.

Modalità e termini specifici di recesso ai sensi della normativa vigente per le ipotesi di collocamento fuori sede e collocamento on-line saranno indicati – ove previsti – nelle Condizioni Definitive.

Articolo 8 – Commissioni

L’ammontare delle commissioni e delle spese a carico degli aderenti saranno indicati nelle Condizioni Definitive.

Articolo 9 – Forma di circolazione

Le Obbligazioni saranno accentrate presso la Pavan Heritage Holding BV in regime di dematerializzazione.  Conseguentemente, sino a quando le Obbligazioni saranno gestite in regime di dematerializzazione presso la Pavan Heritage Holding BV, il trasferimento delle Obbligazioni e l’esercizio dei relativi diritti potrà avvenire esclusivamente per il tramite degli intermediari aderenti al sistema di gestione accentrata presso la Pavan Heritage Holding BV.

I titolari delle Obbligazioni non potranno chiedere la consegna materiale dei titoli rappresentativi delle Obbligazioni.

In particolare il Prezzo di Emissione potrà essere superiore al 100% solo a condizione che l’Offerta Successiva sia aperta entro dodici mesi dalla data di emissione del prestito, e che la differenza fra Prezzo di Emissione delle tranche successive e quello della prima tranche sia in valore assoluto non superiore all’1% del Valore Nominale rapportato a ciascun anno di durata del prestito.

Articolo 10 – Valuta di denominazione

Le Obbligazioni saranno denominate in Euro.

Articolo 11 – Servizio del prestito

Il pagamento degli interessi nonché la liquidazione degli importi in conto capitale avrà luogo esclusivamente per il tramite della Pavan Heritage Holding Bv e degli intermediari ad essa aderenti.

Qualora la scadenza di pagamento di un qualsiasi importo dovuto ai sensi del presente Prestito Obbligazionario maturasse in un giorno che non è un giorno lavorativo bancario, tale pagamento verrà eseguito il primo giorno lavorativo bancario immediatamente successivo, senza che ciò comporti la spettanza di alcun importo aggiuntivo per gli Obbligazionisti.

Ai fini del presente regolamento per “giorno lavorativo bancario” si intende un qualsiasi giorno in cui il sistema TARGET sia aperto per la sua normale attività.

Articolo 12 – Regime Fiscale

Quanto segue è una sintesi del regime fiscale proprio delle Obbligazioni vigente alla data di pubblicazione del Prospetto di Base e applicabile a certe categorie di investitori fiscalmente residenti in Olanda che detengono le Obbligazioni non in relazione ad un’impresa commerciale nonché agli investitori fiscalmente residenti in Italia. Gli Investitori sono tenuti a consultare i loro consulenti in merito al regime fiscale proprio dell’acquisto, della detenzione e della vendita delle Obbligazioni.

Redditi di capitale: gli interessi rivenienti dalle Obbligazioni sono soggetti all’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e successive modifiche ed integrazioni, attualmente pari al 21%.

Gli interessi periodicamente percepiti da soggetti residenti in Stati aderenti all’Unione Europea sono soggetti agli obblighi di segnalazione previsti dalla Direttiva 2003/48/CE in materia di tassazione dei redditi da risparmio sotto forma di pagamenti di interessi.

Per l’Italia: gli interessi prodotti dalle Obbligazioni e percepiti da soggetti residenti negli Stati di cui al D. M. del 4 settembre 1996 non sono soggetti all’imposta sostitutiva prevista dall’articolo 2, comma 1 del Decreto 239/1996 se: 1) le Obbligazioni sono depositate presso intermediari italiani e 2) il depositante ha consegnato all’intermediario l’autocertificazione prevista dal D.M. del 12 dicembre 2001.

Redditi diversi: la vendita o il rimborso delle obbligazioni detenute da soggetti diversi dagli esercenti attività d’impresa genera un “reddito diverso” . Tali redditi sono assoggettati ad un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi con l’aliquota prevista attualmente pari al 21%, che viene assolta:

  • dal detentore delle obbligazioni qualora abbia optato per il c.d. “Regime della Dichiarazione”;
  • dall’intermediario presso il quale sono depositate le obbligazioni se il depositante ha optato per il regime del “Risparmio Amministrato”, o per il regime del “Risparmio Gestito”.

I redditi diversi derivanti dalla vendita o rimborso delle obbligazioni realizzati da soggetti residenti negli Stati di cui al D.M. del 4 settembre 1996 non sono mai soggetti all’imposta sostitutiva prevista dall’articolo 5, comma 2, del Decreto 461/1997, se: 1) le obbligazioni sono depositate presso intermediari italiani e 2) il depositante ha consegnato all’intermediario l’autocertificazione prevista dal D.M. del 12 dicembre 2001.

Si precisa che le imposte sostitutive sopra menzionate ed eventualmente dovute dagli investitori  vengono versate all’Amministrazione Finanziaria dall’intermediario presso il quale sono depositate le Obbligazioni, che potrebbe coincidere con l’Emittente.

Nel caso in cui l’Emittente rivesta anche il ruolo di intermediario depositario delle Obbligazioni, l’Emittente stesso provvederà a versare l’imposta sostitutiva all’Amministrazione Finanziaria dello Stato. Pertanto, l’investitore riceverà, sia con riferimento alle Cedole che con riferimento al rimborso del capitale, solamente le somme nette, in ragione dell’effetto fiscale.

Sono a carico degli obbligazionisti tutte le altre imposte e tasse presenti e future che per legge colpiscono o dovessero colpire le Obbligazioni, i relativi interessi ed ogni altro provento ad esse collegato.

Articolo 13 – Quotazione e negoziazione 

Non è correntemente prevista la negoziazione delle Obbligazioni che saranno emesse nell’ambito del Programma su alcun mercato regolamentato, né su mercati secondari (“Sistemi Multilaterali di Negoziazione” o “MTF”).

Per quanto a conoscenza dell’Emittente, alla data di redazione del Prospetto di Base, non risultano quotati su mercati regolamentati propri strumenti finanziari della stessa classe di quelli da offrire.

Nel caso in cui l’Emittente intendesse procedere alla quotazione delle Obbligazioni su mercati regolamentati, ovvero alla negoziazione su Sistemi Multilaterali di Negoziazione o su Internalizzatori Sistematici, ne darà comunicazione ai portatori delle Obbligazioni mediante pubblicazione di un avviso sul proprio sito internet, oppure, qualora la negoziazione sia contestuale all’emissione, nelle Condizioni Definitive.

Inoltre, ove le Obbligazioni siano collocate da società appartenenti al Gruppo Banco Popolare (i “Collocatori di Gruppo”), e le stesse non siano oggetto di quotazione su mercati regolamentati, né su Sistemi Multilaterali di Negoziazione né ancora per il tramite di Internalizzatori Sistematici, l’Emittente e/o i Collocatori di Gruppo potranno procedere a riacquistare le Obbligazioni in contropartita diretta con l’investitore.

In generale, non è previsto alcun obbligo e impegno al riacquisto da parte dell’Emittente e/o di società dallo stesso controllate e/o dei Soggetti Collocatori in relazione alle Obbligazioni (l’Emittente, le società dallo stesso controllate ed i Soggetti Collocatori non si obbligano, cioè, a riacquistare i titoli oggetto del Programma, che gli investitori intendano rivendere prima della Data di Scadenza). Potrebbe pertanto risultare difficile o anche impossibile liquidare il proprio investimento prima della scadenza.

Nel caso in cui l’Emittente e/o una delle società dallo stesso controllate e/o i Soggetti Collocatori intendessero procedere al riacquisto delle Obbligazioni in relazione ad uno o più Presiti specifici, ne daranno comunicazione ai portatori delle Obbligazioni con le modalità indicate all’Articolo 15 (“Comunicazioni”) del presente Regolamento ovvero, ove l’assunzione dell’onere sia contestuale all’emissione, nelle Condizioni Definitive.

In caso di negoziazioni svolte con controparte una società del Gruppo Banco Popolare fuori da qualunque tipo di struttura (indipendentemente dall’esistenza di un impegno al riacquisto), il prezzo di riacquisto potrà essere determinato secondo la policy di pricing tempo per tempo applicabile e che sarà descritta nelle Condizioni Definitive.

Articolo 14 – Termini di prescrizione

I diritti degli Obbligazionisti si prescrivono nel termine di dieci anni per quanto concerne i pagamenti in conto capitale, e in cinque anni dalla relativa data di pagamento della Cedola per quanto concerne il pagamento degli interessi.

Articolo 15 – Comunicazioni

Tutte le comunicazioni dall’Emittente agli obbligazionisti saranno effettuate, ove non diversamente disposto dalla legge, mediante avviso pubblicato sul sito internet dell’Emittente.

Articolo 16 – Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

Le Obbligazioni non sono coperte dalla garanzia del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.

Articolo 17 – Legge applicabile e foro competente

I Prestiti Obbligazionari da emettersi nell’ambito del Programma saranno regolati dalla legge olandese. Per qualsiasi controversia connessa con le Obbligazioni o il presente Regolamento, sarà competente, in via esclusiva, il Foro di Eindhoven ovvero, ove l’obbligazionista rivesta la qualifica di “consumatore”, il foro di residenza o domicilio elettivo di quest’ultimo.

Articolo 18 – Modifiche al Regolamento

Senza necessità del preventivo assenso degli obbligazionisti, l’Emittente potrà apportare al presente Regolamento le modifiche che esso ritenga necessarie ovvero anche solo opportune al fine di eliminare errori materiali, ambiguità od imprecisioni nel testo, a condizione che tali modifiche non pregiudichino i diritti e gli interessi degli obbligazionisti, e che siano nell’esclusivo interesse di questi ultimi.

Articolo 19 – Restrizioni alla negoziabilità

Le Obbligazioni non sono strumenti registrati nei termini richiesti dai testi in vigore del “United States Securities Act” del 1933: conformemente alle disposizioni del “United States Commodity Exchange Act, la negoziazione delle Obbligazioni non è autorizzata dal “United States Commodity Futures Trading Commission” (“CFTC”). Le Obbligazioni non possono in nessun modo essere proposte, vendute o consegnate direttamente o indirettamente negli Stati Uniti d’America o a cittadini americani.

Le Obbligazioni non possono essere vendute o proposte in Gran Bretagna, se non conformemente alle disposizioni del “Public Offers of Securities Regulations 1995” e alle disposizioni applicabili del “FSMA  2000”. Il prospetto di vendita può essere reso disponibile solo alle persone designate dal “FSMA 2000”.

Articolo 20 – Estinzione anticipata parziale 

È consentita all’Emittente l’estinzione anticipata parziale, limitatamente alle Obbligazioni riacquistate dall’Emittente stesso, non prima che siano trascorsi 6 mesi dalla chiusura del collocamento del Prestito Obbligazionario.

Articolo 21 – Varie

Il possesso delle Obbligazioni comporta la piena conoscenza ed accettazione di tutte le condizioni di cui al presente Regolamento. A tal fine, il presente Regolamento sarà depositato presso la sede dell’Emittente.

Articolo 22 – Agente per il Calcolo

Il soggetto che effettuerà i calcoli relativi alle Obbligazioni (l’“Agente per il Calcolo”) potrà essere l’Emittente. L’identità dell’Agente per il Calcolo sarà indicata nelle Condizioni Definitive.

 

LAST VERSION PUBLISHED AND APPROVED 09 – 08 – 2019